Testa incastrata nel pluviale del balcone, cane liberato dai vigili del fuoco

e85e05d3-b384-4996-ba82-81c0cf2641f9-2

Singolare intervento dei vigili del fuoco nel rione Santa Rosa di Lecce. Il povero animale non riusciva più a ritrarsi. Si è dovuto lavorare sulla muratura del balcone per liberarlo

fino a oggi, era fermamente convinto che solo i gatti fossero dei curiosoni, dovrà ricredersi. Guardare per credere. Ecco dove un povero cane, nel primo pomeriggio di oggi, è andato a infilare la testa: nel pluviale del balcone del suo proprietario. E, però, subito dopo aver soddisfatto la sua sete di curiosità, scoprendo che da quel foro si poteva guardare fin laggiù, sul marciapiede dell’amata passeggiata quotidiana, deve aver vissuto interminabili momenti d’angoscia, quando s’è accorto che non riusciva più a ritrarsi.

A sottrarlo da quell’inconsueta trappola ci hanno pensato i soliti angeli, i vigili del fuoco, reduci solo qualche giorno addietro dal salvataggio di un gattino caduto in un pozzo. Con la differenza che, questa volta, invece di calarsi in basso, sono dovuti salire in alto.

L’intervento è avvenuto intorno alle 14,45 di oggi in via Po, nel rione Santa Rosa di Lecce. E il lavoro dei vigili del fuoco è stato tutt’altro che semplice, proprio perché il povero cane era rimasto incastrato con la testa. A quel punto, lavorando – come si suol dire – di cesello, ovvero con estrema precisione, sono riusciti ad allargare la bocca del pluviale, rompendo la muratura del balcone quel tanto che fosse sufficiente perché la povera bestia potesse finalmente rientrare in casa. Una volta liberato, sano e salvo, il cane è stato riconsegnato al proprietario. 

il cane il mio amico

Menu